AUTOEUROPA IMPORT SNC  -  Via Sant' Abbondio, 17  -  22100 Como  -  Tel. 031-242483  -  P. Iva 01341140133

Nei motori attuali, il consumo di olio è quasi sempre trascurabile e quindi, raramente è necessario rabboccare fra un cambio olio e l'altro. Continua però a essere opportuno verificare periodicamente il livello del lubrificante, che in linea generale consigliamo di verificare comunque prima di ogni viaggio che preveda l'uso autostradale, o strade tortuose di montagna.

Ovviamente, l'operazione non è necessaria in presenza di un indicatore di livello dell'olio motore perfettamente funzionante, e presente nella strumentazione di bordo.

Il livello va verificato soprattutto durante il periodo di rodaggio, quando l'assestamento non ancora ottimale fra canne e pistoni potrebbe determinare un consumo maggiore. 

 

La verifica va effettuata con la vettura perfettamente in piano e dopo circa 10/15 minuti dall'arresto del motore, che deve essere alla normale temperatura d'esercizio.

Il livello ottimale è fra la tacca inferiore e quella superiore, verificabile dopo aver pulito preventivamente l'astina.

Non aggiungere lubrificante in eccesso: se il livello supera la tacca superiore di massimo c'è il rischio di danneggiare il catalizzatore, è preferibile e consigliato avere qualche grammo di olio  in meno piuttosto che in più.

 

A queste regole di base va aggiunto un'altro aspetto fondamentale che riguardano le caratteristiche tecniche del lubrificante, in base alla tipologia del propulsore, al tipo di iniezione e carburante, nonché alla presenza di taluni dispositivi post trattamento gas di scarico.

 

Siamo abituati a riconoscere e/o scegliere il lubrificante per il nostro motore leggendone prevalentemente la gradazione Sae, il che è sicuramente un buon metodo ma non il solo, e sopratutto non l'unico a cui far riferimento per una valutazione corretta delle caratteristiche, sempre più precise e sancite dai vari costruttori di auto.

 

Per esempio nelle motorizzazioni Tdi del gruppo Vw/Audi era previsto fino a qualche anno fa un lubrificante 0w30 con caratteristiche LongLife e approvazione del costruttore Vw 506.00/506.01 (pumpe duse).

 

Con l'utilizzo dei dispositivi post trattamento dei gas di scarico ed in particolar modo nei diesel relativamente al ricircolo (EGR) e al contenimento del particolato in atmosfera (DPF), il lubrificante è passato ad una specifica Sae 05w30 con caratteristiche sempre LongLife e approvazione del costruttore Vw 507.00 idoneo anche per tutte le versioni Tdi precedenti sprovviste di dispositivo DPF (Diesel Particulate Filter).

 

Questo è solo un'esempio che sottolinea il fatto che non basta leggere soltanto la gradazione Sae, un'altro 05w30 senza l'ulteriore aggiunta della specifica Vw 507.00 non è altrettanto idoneo per questa tipologia di motori, inoltre potrebbe non avere caratteristiche Low Saps (basso contenuto di ceneri) particolarmente dannoso per la corretta attività del DPF.

 

I lubrificanti moderni, alla stregua dei motori di ultima generazione, hanno fatto un gran salto di qualità, ma occorre sempre leggere le caratteristiche, le approvazioni del costruttore e le caratteristiche Low saps ormai divenute indispensabili per la salvaguardia dei dispositivi sempre più presenti sulle nostre auto, per ogni ulteriore chiarimento su questo argomento è possibile contattarci.